Quanto la relazione d’aiuto può portare al cambiamento

Quante volte ci siamo detti”… ma no, non lo posso fare, chissà come reagirà , mi lascerà, si arrabbierà, non mi parlerà più, ectect….” e quanto questo ha condizionato il nostro proposito di “… eh no, questa volta gli dirò veramente come la penso, gli spiegherò ciò che sento” e chissà quanti altri esempi,rinunciando così ad esprimere ciò che sentivamo per il timore di perdere l’altro, di essere rifiutati, esclusi e, alla fine, scartati. Ed è proprio in questo che il counseling ci può essere di aiuto, di sostegno. Affinché la relazione d’aiuto abbia successo e si crei il clima di fiducia indispensabile al cliente per procedere verso una chiarificazione e accettazione dei suoi vissuti emotivi e della sua esperienza, a qualsiasi livello sono importanti, come delineato dalla teoria di Carl Rogers, padre della psicoterapia, in merito alla terapia centrata sul cliente e confermata dalla mia esperienza professionale, tre condizioni fondamentali quali: Empatia, Autenticità e Accettazione incondizionata.

Leggi tutto